Piccole marche private crescono, alla grande!

I prodotti a marchio del distributore sono in crescita in tutti i canali di vendita, dai supermercati ai piccoli negozi specializzati. Se sei un rivenditore, mettere il tuo brand sui prodotti aiuta a vendere.

Convenienti, sicuri e sostenibili sono i must che chiede il cliente, a cui si aggiungono: qualità, packaging e immagine al top, trasformando la marca in una vera e propria linea ad alto valore aggiunto. Il linguaggio della marca privata, sempre di più, è quello del prodotto artigianale di alta gamma: colori, forme, confezioni, naming…tutto fa riferimento al top.

Al cliente è chiaro che il negozio non è il produttore, ma si affida perché lo reputa un ottimo selezionatore di prodotti, colui che sa riconoscere la qualità e se ne fa garante a tutto tondo. Quindi marketing e comunicazione stanno alla base di chi opera la scelta di farsi fare i prodotti a marchio proprio. L’importante è parlare al cliente come un vero brand, al di là delle dimensioni aziendali, raccontare le differenze e peculiarità del prodotto, essere coerenti sul fronte della proposta e del visual, essere sul web in modo chiaro, crescere e ampliarsi dando senso al proprio sviluppo nel lungo periodo.

E i produttori? Anche i produttori hanno convenienza a produrre marche private di terzi, perché in questo modo possono valorizzare il proprio, essendo stati scelti anche dal negozio o catena dal forte brand. La propria marca si rafforza anche lavorando per Private label di successo.

Oficina d’impresa propone due casi in cui lo sviluppo della marca privata sta aprendo nuove possibilità.

Maso Giare, la marca privata si estende in altri punti vendita non di proprietà

Azienda agricola, trasformatore diretto e distributore dei propri prodotti nella bottega rurale a marchio. Abbiamo iniziato con succo di mela e miele. Ad oggi, una veloce e instancabile estensione di linea ha dato vita, nell’arco di soli due anni, a una gamma altamente distintiva. Affidabilità, certezza della materia prima – la propria, presto tutta biologica – e il nostro packaging gioioso, in continua evoluzione e adattabilità, progettato già dall’inizio per crescere. All’interno una miriade di prodotti molto diversi, dai basici a quelli più complessi, carte naturali, colori forti ed essenziali, senza tentennamenti. Unica e irripetibile, richiesta, a sorpresa, da molti punti vendita del tipico: si apre così la possibilità di una commercializzazione, oltre la propria bottega rurale.

Dal Marcante 1758, la marca privata sottolinea storicità e competenza sul prodotto

Storico retail, due punti vendita – Andalo e Trento – e il nuovo sito e-commerce, propose nel 1994 la prima grappa tradizionale a marchio proprio. Poi, in occasione del 250° anniversario, l’invecchiata, i mieli, gli speck, e, da ultime, le persecche. Una tradizione al top qualitativo, materie prime selezionate, dando seguito coerentemente al claim “sublime custode di sapori tipici”, un packaging caldo, avvolgente che stiamo ringiovanendo con l’inserimento di nuove modalità espressive, più naturali, più rurali e artigianali, dalla forte connotazione vintage. I colori delle etichette sono coerenti con l’arredo dei punti vendita seppur in evoluzione, gli elementi di decoro sono fotografici ed esaltano l’origine della materia prima. Essere innovativi mantenendo inalterata la coerenza con un brand che quest’anno festeggia i suoi 259 anni, è la sfida di Oficina!

Emanuela Corradini

Marca del distributore*

+1,7%* a valore
18,5%* la quota di mercato
9,76* miliardi di Euro di fatturato
in tutti i canali di vendita

Le linee premium, top di gamma
+13,8%* a valore
+12,4%* a volume.

I prodotti biologici
+ 16,1 %* a valore
+14,4%* a volume

*Dati a settembre 2016 – Rapporto Marca gennaio 2017

All rights reserved Oficina d'Impresa.