Il boom costante e impetuoso degli agriturismi è certificato dall’ISTAT, sia in numero totale che in fatturato. I dati dell’ultimo decennio sono molto positivi, fatta salva una piccola flessione nel 2012, i tassi di crescita per numero di aziende autorizzate, posti letto, posti tavola e presenze sono sbalorditivi e tutti abbondantemente a due cifre. Gli ospiti hanno raggiunto i 12,7 milioni, ed il fatturato totale del settore  fa segnare 1,36 miliardi di euro. Gli agriturismi presenti sul territorio nazionale sono oltre 23.000.

Il dato più sorprendente segnalato dall’Istituto di ricerca, è quelle delle aziende gestite da donne. In forte crescita soprattutto al Sud grazie all’incremento di nuovi agriturismi aperti in Calabria e Sicilia. Molto buono anche il dato della Toscana, ma la diffusione è notevole su tutto il territorio nazionale. Oltre un’azienda su tre è attualmente gestita da donne, che sono diventate il nuovo volano turistico del settore, per la loro capacità manageriale e per l’abilità di essere testimonial delle loro attività. Le aziende a guida femminile sono molto dinamiche e presenti in rete.

La presenza gestionale femminile risponde forse al desiderio di vacanze a contatto con la natura, alla ricerca di  ritmi, sapori e calori dimenticati. Dove una cucina di alta qualità accoppiata a materie prime freschissime, riporta alla memoria cibi tradizionali, forse dimenticati. La gestione femminile riporta ad archetipi ancestrali, quali la conoscenza delle ricette di famiglia tramandate oralmente da nonne e bisnonne, e rimanda a vacanze d’antan in cui si andava a passare le vacanze nelle famiglie d’origine, dove la gestione della casa e della cucina era affidata alle donne, e restava di loro unica competenza.

Gli agriturismi si sono evoluti nell’accoglienza, aggiornando la loro innata rustica raffinatezza per raggiungere nuovi livelli di qualità, ottenendo le certificazioni DOP e IGP. Le proposte rivolte alla clientela raggiungono nuovi vertici, e danno vita ad una serie di innovativi prodotti di nicchia, che differenziano i menu ed il food & wine, spesso acquistato come souvenir dai clienti. Sono quattro le tipologie di servizio comunemente offerte, a volte mescolandole tutte: alloggio, ristorazione, degustazione, e attività agrituristiche varie quali le fattorie scuola, la pet-theraphy, ecc.

All rights reserved Oficina d'Impresa.